calde primavere

agores_sblog

c07bd92203d72b709ee0f39dfca2d310

e si sentiva

l’eco lontano ripetersi

cercarci

ma non si resisteva

non si poteva non farlo

e poi

i giorni di pioggia nel cortile

tanti, lunghi

quasi si fosse persa l’abitudine

il colore degli occhi

le piccole mani,

quante estati non ti hanno più riportata

nell’afa di quegli anni

nei miei giovani anni

e per ricordarti ora

ho dovuto fermarmi

voltarmi

il passo uguale

veloce come allora

con l’emozione di arrivare sempre prima di me

anche adesso.

View original post

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...